Recensione

Nicola Catalano, Blow Up, no 134/135, 1 juillet 2009

Raccontatori di storie, i canadesi Nicolas Bernier e Jacques Poulin-Denis in Sur fond blanc danno vita a scenari di abissale intensità. Una narrazione con e attraverso il suono originariamente pensata per la coreografia La chambre blanche della compagnia O Vertigo si trasforma in vero e proprio almanacco elettroacustico sul tema dello spazio interiore, del vuoto e dell’assenza. Sono proprio i passi felpati dei danzatori, accoppiati a mormorii di voci lontane e all’assorto lavorio di tessitura e design, a suggerire modalità di pensiero e orientamento nella materia fonica, un viaggio indirizzato nella profondità del cuore, delle viscere e della mente, laddove sovrano è l’artiglio dei ricordi e del passato. Un grido straziante che talora si vorrebbe dimenticare e che però, per quanto soffocato, tutto sommerge e travolge. È esattamente una tela neutra quella sulla quale i due autori in questo modo disegnano ed articolano, quasi scolpiscono e riannodano a proprio piacimento le memorie di un’umanità altrimenti perduta. 7 / 8

… e proprio almanacco elettroacustico sul tema dello spazio interiore, del vuoto e dell’assenza.

En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies qui permettent l’analyse d’audience.